Monastero di Motsameta

Il monastero di Motsameta è un luogo spettacolare situato a circa 6 km dalla cittadina di Kutaisi, poco distante dal monastero di Gelati. Questo piccolo monastero è stato realizzato su un promontorio, sopra un’ansa del fiume Tskhaltsitela. E’ più isolato e meno conosciuto degli altri monasteri georgiani (come appunto quello di Gelati), e per questo offre una fedele rappresentazione della atmosfera della vita monastica.

La chiesa e la sua storia

Il nome Motsameta deriva dalla parola georgiana che significa martirio. La leggenda narra che due fratelli, David e Costantine Mkheidze furono tra il 720 ed il 730 i signori della regione e furono costretti a soccombere agli arabi dopo essere stati catturati e torturati, per il loro rifiuto di convertirsi all’Islam.

I due fratelli, per questo rifiuto, furono gettati nel fiume con pietre legate al collo; il loro corpo, recuperato sulla riva del fiume, venne sepolto nella cripta della chiesa, e dopo la cacciata dei musulmani le loro spoglie vennero trattata come quelle di veri e propri martiri.

Come arrivare al monastero di Motsameta

Per raggiungere il Monastero di Motsameta è necessario prendere un taxi, oppure prendere a un’auto noleggio , dato che non esistono mezzi pubblici in grado di portarvi in questo luogo mistico. In alternativa, è possibile prenotare una visita guidata in una delle strutture presenti nelle vicine cittadine.

Curiosità

Ecco alcune interessanti curiosità che aleggiano attorno al monastero di Motsameta.

  • Il nome del fiume, Tskhaltsitela, significa acque rosse e queste fanno riferimento proprio al massacro dei due fratelli.
  • I credenti ritengono che se si cammina tre volte sotto il passaggio della tomba dei due fratelli martiri, questi risponderanno alle preghiere.
  • Nel 1923, la polizia segreta sovietica sequestrò le ossa dei due santi e le depose nel museo di Kutaisi. Dopo numerose proteste locali, le reliquie furono restituite ma leggenda narra che tutti i poliziotti sovietici che sequestrarono le spoglie dei due fratelli, soffrirono di un terribile destino, morendo dopo dopo tempo.

Posizione