Chiatura, la città delle miniere bolsceviche

Chiatura è una città della Georgia occidentale situata nella regione di Imereti. Nel 1989, aveva una popolazione di circa 30.000 abitanti.

Geografia e Storia

La città si trova nell’entroterra, in una valle di montagna, sulle rive del fiume Qvirila. Nel 1879 il poeta georgiano Akaki Tsereteli esplorò la zona in cerca di manganese e ferro, scoprendo alcuni depositi nella zona. Dopo altre esplorazioni intense si scoprirono diversi strati di ossido di manganese commercialmente sfruttabile, perossido e carbonato di spessore variabile tra 0,2 e 16 metri.

chiatura

Lo stato avviò la società JSC Chiaturmanganese per gestire e sfruttare questo enorme deposito. In tutto si stimarono 239 milioni di tonnellate di minerali fra manganese e altri prodotti come ossido di manganese, (41,6%), carbonato (39%), e perossido (19%). Di conseguenza, l’azienda sviluppò un collegamento ferroviario per trasportare i minerali all’impianto di ferroleghe a Zestaponi, che opera ancora oggi, ed è completamente elettrificato. La produzione di manganese è salita al 60% della produzione mondiale nel 1905.

A Chiatura si trovano il Teatro di Stato TSERETELI, 10 scuole, la Facoltà del Politecnico della Georgia, e la Cattedrale Mgvimevi (10 ° 11 ° secolo). Durante la rivoluzione russa del 1905, Chiatura era l’unica roccaforte bolscevica nella Georgia in gran parte menscevica. 3.700 minatori lavoravano 18 ore al giorno dormendo nelle miniere, sempre coperti di fuliggine, senza neanche il bagno. Stalin li convinse ad aderire al bolscevismo nel corso di un dibattito con i menscevichi, preferendo il suo semplice discorso di 15 minuti rispetto a quello dei suoi rivali. Stalin mise Vano Kiasashvili a capo dei minatori armati. I proprietari delle miniere in realtà lo ospitavano in cambio di protezione dai ladri.

Nel 1906 un treno che trasportava oro venne attaccato dalla Druzhina di Kote Tsintsadze (espropriatori bolscevichi). Combatterono per due ore, uccidendo un gendarme e un soldato,rubando 21.000 rubli. I minatori scioperarono 55 giorni nel giugno-luglio 1913, chiedendo una giornata di 8 ore, salari più alti e niente più lavoro notturno. La polizia permise al RSDRP (Partito democrativo lavoratori russo) di guidare lo sciopero a condizione che non facessero alcuna richiesta politica. Essi vennero sostenuti da attacchi a Batumi e Poti.

Galleria di immagini

Ecco alcune immagini mozzafiato di Chiatura.

Funivie a Chiatura

A causa della ripida valle in cui si trova Chiatura, gli addetti alla produzione trascorrevano una grande quantità di tempo a camminare dalla città alle miniere, abbassando così la loro produttività. Nel 1954 un vasto sistema di funivie venne installato per trasportare i lavoratori per tutta la valle fino alle miniere. Sempre utilizzando la stessa infrastruttura installata originariamente nel 1950, ancora oggi esistono circa 17 sistemi di risalita intorno alla città. Alcune delle linee più interessanti si trovano appena fuori città; la mappa approssimativa si trova a questo indirizzo.

Posizione